Lino Aldani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lino Aldani, noto anche con lo pseudonimo di N. L. Janda (San Cipriano Po, 29 marzo 1926Pavia, 31 gennaio 2009), è stato uno scrittore italiano, considerato una delle voci più significative della fantascienza italiana. È stato tradotto in sedici lingue.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si trasferì a Roma dove fece parte del gruppo di autori che debuttarono sulla rivista Oltre il cielo, nel 1960, aprendo il periodo d'oro della fantascienza italiana.[1] Visse nella capitale insegnando matematica, finché nel 1968 ritornò nel suo paese di nascita, dove si dedicò assiduamente alla stesura dei suoi romanzi e racconti, che lo consacrarono come uno dei primi autori del fantastico italiani.

È stato sindaco del piccolo comune natìo di San Cipriano Po per diversi anni.[1]

Carriera letteraria[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1977 pubblicò il suo primo e più fortunato romanzo, Quando le radici, iniziato a scrivere dieci anni prima. A quest'opera fecero seguito numerosi racconti, accanto ai romanzi Eclissi 2000 (1979), Nel segno della luna bianca (anche come Febbre di luna, 1980), scritto con Daniela Piegai, e La croce di ghiaccio (1989).

Da segnalare, inoltre, la sua produzione saggistica: il suo libro La fantascienza (1962) fu il primo saggio italiano a trattare dell'argomento.

Oltre a essere uno scrittore di science fiction assai apprezzato e di grande qualità (il suo pseudonimo era quello di N. L. Janda), Aldani fondò nel 1963, con Massimo Lo Jacono (i cui pseudonimi erano invece quelli di Megalos Diekonos e L. J. Mauritius) e con Giulio Raiola, Futuro, la prima rivista interamente italiana di science fiction, che pubblicò tra gli altri per la prima volta in Italia un racconto di Adolfo Bioy Casares e di Juan Rodolfo Wilcock.

A inizio 2007 fu pubblicato il suo ultimo romanzo, Themoro Korik, ambientato in un'originale Trieste notturna.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

TEATRO

I FIGLI DEL SOGNO, atto unico tratto dal racconto ONIROFILM di L. Aldani e inserito nello spettacolo di SF " DA QUALE MONDO VIENI ? " (Teatro Erba, Torino, 1978) insieme ad altri due atti unici: CRISTO DELLE STELLE di Peter Kolosimo, e PIC NIC AL MUSINE' di Mauro Macario. Regia di Mauro Macario.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF (EN37723386 · ISNI (EN0000 0001 1442 1197 · SBN IT\ICCU\CFIV\055374 · LCCN (ENn85264269 · GND (DE11929334X · BNF (FRcb11888350n (data) · NDL (ENJA00753477 · WorldCat Identities (ENn85-264269